Arme della Pro Loco Tropea Pro Loco Tropea Unione Nazionale Pro Loco Italiana
linea

Home
Archeologia di Tropea
Arte di Tropea
Biblioteca di Tropea
Charter per Escursioni
Chiese di Tropea
eventi a Tropea
Gastronomia di Tropea
Informazioni utili
Itinerari a Tropea
Link utili
Luoghi di Tropea
Mercati rionali a Tropea e nei dintorni
Miti e leggende di Tropea
Monumenti di Tropea
Musei di Tropea
Palazzi storici di Tropea
Personaggi importanti di Tropea
Vai alla galleria delle immagini più belle
Servizi a Tropea
Storia di Tropea
Tradizioni di Tropea
Utilità

Luoghi

Nicotera
Piccolo comune a Nord-Est di Tropea, comprende due centri abitati, il capoluogo omonimo e la frazione di San Giovanni.

Storia
Nicotera sorge sul luogo dell’antica Medma ed in epoca romana fu una delle più importanti città della Calabria. Il nome significa “Segno della vittoria”, ed è già attestato nel quarto secolo. In questo periodo, per le numerose incursioni saracene, gli abitanti dell'area marina si ritirarono sull’alto nel sito ove oggi sorge la cittadina. Nel 1065 Roberto il Guiscardo la potenziò e la fortificò. Fu di nuovo ricostruita da Roberto D’Altavilla, poi, nel 1074, da Re Tamin d’Africa e, nel 1085, dalle truppe di Benevert. Seguì un’ennesima ricostruzione da parte del Conte Ruggero di Lauria, che ne potenziò il porto. E’ ancora attaccata e distrutta dagli Almoravidi guidati da Ibn-MaiMun. Il figlio di Ruggero, Ruggero II la ricostruì nel 1122. La città raggiunge il suo massimo splendore grazie a Federico II, che fece giungere a Nicotera gli Ebrei per incrementare l’attività economica. Inoltre fece costruire un apposito quartiere dove far alloggiare gli Ebrei detto “Giudecca”. Durante il quattordicesimo e il quindicesimo secolo sottostette al dominio dei Ruffo e dei Marzano. Nel 1496 passò alla famiglia di Gennaro che nel 1555 vi ebbe incardinato il titolo di Conte. Per successione nel 1585 ritornò in casa Ruffo fino alla distruzione della feudalità riconducibile al 1806. La cittadina fu nuovamente danneggiata dal terremoto del 1783. L’ordinamento amministrativo che i francesi disposero il 19 gennaio 1807 faceva di Nicotera una Sede di Governo. Il 4 maggio 1811 fu emanato un decreto che poneva Nicotera a capo di uno dei primi circondari comprendenti i villaggi di Caroniti, Preitoni, Comerconi, Badia, Joppolo, Coccorino, Mottafilocastro, Limbadi, Mandaradoni, Caroni, S.Nicola, Spilinga, Panaja, Carciadi e Rosarno. Un nuovo ordinamento dato dai Borboni il 1 maggio 1816 confermava Nicotera nella condizione precedente ma, attribuiva Spilinga e le sue frazioni al circondario di Tropea. Il centro di Nicotera era diviso in vari quartieri e comprendeva: Santa Chiara, Baglio e Porta Grande dove vivevano i borghesi, i cittadini più in vista occupavano invece la zona pianeggiante, mentre il quartiere S.Nicola ospitava i commercianti.

Da visitare

  • Il castello: costruito nel 1763 da E. Sintes per il Conte di Sinopoli Falcone Ruffo, sul luogo dell’antico edificio svevo-angiolino, è costruzione esteriormente integra con tre torri quadrilatere angolari, porte e finestre in granito.
  • La Cattedrale: completamente ricostruita dal Sintes nel 1785 sulla chiesa di origine medievale, oggi ulteriormente restaurata e dedicata a Santa Maria Assunta. All’interno sono conservati frammenti tombali del XV secolo, un altare con marmi policromi, una statua attribuita ad Antonello Gagini raffigurante la Madonna delle Grazie, un Crocefisso ligneo di scuola napoletana del cinquecento attribuito ad Angelo Landaro, una cattedra episcopale ad intagli, preziosi arredi sacri tra i quali un balocco cinquecentesco e paramenti settecenteschi.
  • La torre: a pochi metri dalla chiesa vi è una torre campanaria quadrata.

Nicotera, castello dei Ruffo

Torna all'indice





linea
Info. Ass. Turistica
OTTIMIZZATO PER UNA RISOLUZIONE PARI A 1024x768 PIXEL CON Internet Explorer 7. PER VARIARE LE DIMENSIONI DEL TESTO SELEZIONARE DALLA BARRA DEI MENU' LA VOCE "VISUALIZZA" POI SCEGLIERE "DIMENSIONE TESTO" E CLICCARE SULLA DIMENSIONE PIU' ADATTA AL VOSTRO SCHERMO.
Mario Lorenzo (OLP). Webmaster & Design Francesco Barritta (SCN 2006-2007)
© 2006-2007 Pro Loco Tropea
Servizio Civile